white-hat-black-hat-seo

Google al servizio dei navigatori: il tramonto del SEO

Qualche giorno fa su Forbes è stato pubblicato un articolo dal titolo “The Death Of SEO: The Rise of Social, PR, And Real Content” che ha attirato la mia attenzione.
Le tecniche di SEO (Serch Engine Optimization) hanno lo scopo ultimo di aumentare il traffico in entrata, quindi gli accessi, al proprio sito web attraverso i motori di ricerca. Tali tecniche possono essere classificate in vari modi:
 “There is internal and external SEO. Internal makes up about 15% of the process […] and it means to design your site so it follows the best practices proven to rank high on Google. External SEO used to mean to write articles, press releases, blogs, comments, and content with embedded keyword “backlinks” to your site. Now it is changing fast to include social media strategies. SEO has been traditionally divided into “white hat” or “black hat.” Black Hat is the obvious villainous practice of gaming the system by doing things to raise rankings that Google doesn’t want, and White Hat is just more subtle.”
Ma dopo aver spiegato, molto velocemente, cos’è il SEO, cosa sta succedendo? Perché si parla di tramonto, di morte del SEO? E’ semplice! Google ha creato un nuovo algoritmo chiamato “Penguin release” che premia le relazioni e il seguito sui social media (follower, commenti, tweet, likes, condivisioni e un occhio di riguardo per il +1) al posto dei link diretti al sito. Con questo nuovo algoritmo Google si prefigge lo scopo di fornire ai navigatori contenuti reali e non semplici pagine pubblicizzate, in pratica sta svolgendo al meglio il suo lavoro al servizio degli internauti.



Sarà sempre più complesso quindi lavorare nell’ambito del SEO ma, come si dice, “fatta la legge, trovato l’inganno!”
Fonti e approfondimenti:

Angela Pace

Start_up_12543

Il futuro è nelle nostre mani

Dalla classe dirigente alle imprese: i nuovi volti del cambiamento

Come si può notare, oramai il futuro è in mano ai giovani, i quali hanno bisogno di essere istruiti per essere immessi nello scenario che si sta proponendo ai nostri occhi. 
Un punto chiave da sottolineare è quello relativo al rinnovamento della classe imprenditoriale italiana. A tal proposito, molte associazioni no-profit stanno dando vita a veri e propri corsi di formazione “impresa in azione“, con i quali si intende formare la nuova classe aziendale. 
Imprenditori, consulenti, professionisti nel campo del brand e del marketing, sono le figure di spicco che sostengono i candidati durante il loro processo formativo. Come spiega Miriam Cresta, direttrice dell’associazione Junior Achievement Italia, l’obiettivo è quello di dare l’opportunità ai giovani di potersi affermare e portare avanti l’economia della nazione. A tal proposito, vengono istituiti corsi di potenziamento economico e finanziario presso le scuole elementari e medie, il tutto per un futuro professionale confacente. 

Daniele Odorisi

SKYPE

Skype:non si è più “liberi” di chattare

E’ il Washington Post a dichiarare che Skype, software di Microsoft, sarà d’ora in poi controllato dalle autorità Usa e dai servizi segreti di tutto il mondo per ciò che riguarda la chat, mentre le telefonate audio e video saranno ancora riservati, però forse per poco. Questo perchè Skype è uno dei mezzi più utilizzati dai terroristi e dissidenti per comunicare tra loro le proprie intenzioni. Il controllo così della posta aiuterà la polizia ad arginare gli individui pericolosi per la società. Molti degli utilizzatori di Skype però si ribellano, così da evidenziare un’altra volta il problema della privacy e del controllo della nostra società da parte di chi la vuole rendere più sicura a scapito di chi non ha nulla da nascondere ma deve essere ugualmente controllato.

Fonti: www.corriere.it

imgres

Il Web al servizio del cinema

Web Series per tutti gli spettatori

Anche il mondo del cinema deve adattarsi all’eversione in digitale, molti registi riescono a captare nuovi segmenti di popolazione tramite la rete: è la svolta della cosiddetta piattaforma Web Series, un dispositivo streaming che consente la visione di una moltitudine di programmi tv e film.
In tal contesto, la piattaforma Streamit ha accuratamente selezionato le migliori pellicole da anteporre nel web, dando vita anche a mini serie web del tutto inedite. Il fenomeno delle Web Series è sempre più dilagante e le strategie di marketing connesse a questa manifestazione si fanno sempre più specifiche


Daniele O.

imgres1

Original Marines: c’è Federico Moccia

Il famoso scrittore ai servigi della grande ditta

E’ in dirittura d’arrivo la nuova campagna marketing della ditta Original Marines, e come testimonial si avrà la presenza dello scrittore Federico Moccia. Il tutto in stile americano per mostrare la visione aziendale e promuovere la gamma Back to School.
La campagna denominata Brother and Brothers/Selection è coadiuvata dal supporto del catalogo consumer che sponsorizza l’inserzione della promozione Movie star. Foto, video, tutto insieme per rimarcare le passioni degli adulti, ma anche dei bambini. Grande Original Marines!

Daniele O. 

PB

Le basi del Personal Branding dalla Boston University

Navigando e cercando nel web mi sono imbattutta in una presentazione su Slideshare, curata da Dan Schawbel (esperto di personal branding della Boston University), che ci da delle buone basi per studiare la propria strategia di personal branding. Diamogli un’occhiata! 


Dan Schawbel sostiene che la soluzione al problema lavoro, che attanaglia ormai tutto il mondo occidentale, è proprio il personal branding che viene definito come:

“Personal branding describes the process by which individuals differentiate themselves by identifying and articulating their unique value proposition to achieve a specific goal.”

“Personal branding è il processo attraverso il quale gli individui si differenziano, individuando e articolando la loro “unique value proposition” per raggiungere un obiettivo specifico.”

Un richiamo quindi alla USP (Unique Selling Proposition) di Rosser Reeves, un’unica importante qualità che differenzia il prodotto da tutti gli altri e che lo rende unico. E’ così che dovremmo presentarci e pubblicizzarci nel mondo del lavoro: presentando pochi o uno solo dei nostri valori, delle nostre competenze, che ci rende unici ed indispensabili.
L’autore inoltre ci presenta una singolare equazione:

SELF-IMPRESSION = PERCEPTION

Chiunque lavori nel mondo della marca sa benissimo l’importanza della percezione della marca, di come essa viene vista dal consumatore. Sono stati creati studi su studi, modelli su modelli al solo scopo di riuscire a costruire la percezione di marca desiderata dall’azienda. Lo stesso deve essere quindi per noi stessi: bisogna studiare al meglio l’impressione di sé stessi, curarla e mantenerla allo scopo di creare una percezione di sé negli altri positiva, unica e memorabile.
Possiamo inoltre leggere:
“Regardless of age, regardless of position, regardless of the business we happen to be in, all of us need to understand the importance of branding. We are CEOs of our own companies: Me Inc. To be in business today, our most important job is to be head marketer for the brand called YOU.
“Indipendentemente dall’età, a prescindere dalla posizione, a prescindere del business in cui siamo, tutti noi abbiamo bisogno di capire l’importanza del branding. Siamo amministratori delle nostre stesse aziende: “Me Inc.” Per essere in affari oggi, il nostro compito più importante è essere l'”head marketer” per il marchio chiamato TU.”

Possiamo concludere, ma il discorso è molto più complesso e articolato, indicando quali sono gli 8 punto che l’autore indica come indispensabili nella propria strategia di Personal Branding; l’Octopus Models of Relevancy:

  1. Social Media
  2. Public Relations
  3. Marketing/Branding
  4. Relationship networking
  5. Career development
  6. SEO (serch engine optimization)
  7. HR (human resurces)
  8. Entrepreneurship (imprenditorialità)
Otto punti che associati ad un toolkit, un kit di strumenti adeguato (come CV, Referenze, Sito web personale o blog personale, biglietto da visita, lettera di presentazione, etc.) possono portare al successo professionale.

Fonte:

Angela Pace
New_Linkedin

Linkedin’s new look

Il web è bello anche perché non si ferma un momento, sempre in evoluzione e sempre con tante novità, e l‘ultima novità viene da Linkedin che ha aggiornato il suo look rendendolo più fruibile e più leggero e più moderno.

Possiamo leggere sul blog:

“We’ve revamped the entire Homepage experience with a new look and feel to make it easier to scan and find the information that matters most to you. This simpler and cleaner design makes it easier to navigate the page and quickly find the updates you’re looking for. […] Now you can see the most important network updates and articles at the top of the feed. This makes it quick and easy to stay on top of what matters most, such as trending topics, news, and professional updates based on what your connections and industry are reading, sharing, and discussing. This means, you’ll be spending less time hunting for information you need to be prepared for your workday and spending more time being great at the job you’re in.”



Un design quindi studiato per essere di più facile utilizzo, come Facebook, ma anche più leggero e semplice, come Google+.

“We’re always looking for new ways to make the Homepage experience better, more efficient and a place where you can come everyday to get what you need to be productive and successful.”

Aspettiamo il riscontro degli utenti!

Fonti e approfondimenti:

Angela Pace
YahooFacebook

Yahoo! e Facebook – Accordo trovato

“Una opportunità reale, per Facebook, è utilizzare la sua piattaforma per distribuire contenuti. La società vuole aumentare l’offerta di contenuti che possono essere condivisi attraverso il proprio network. Attualmente non dispone di contenuti propri, originali o meno, e, in questa prospettiva, Yahoo! è il partner ideale” (Allen Weiner, analista di Gartner).



Yahoo! e Facebook hanno raggiunto un accordo riguardo la disputa dei brevetti nata a Marzo; l’accordo, secondo gli analisti, è vantaggioso per entrambe le parti. I due protali avranno accesso reciproco ai portfoli di brevetti, inizieranno una partnership per le campagne pubblicitarie e svilupperanno l’attuale accordo riguardo la distribuzione dei contenuti.

L’ex CEO Scott Thompson aveva portato Yahoo! a intentare una causa contro Facebook accusando il social network per antonomasia di aver violato i brevetti che proteggono le tecnologie di social networking, pubblicità, privacy, customizzazione e comunicazione. Facebook aveva risposto accusando, a sua volta, Yahoo! di aver violato i propri brevetti.

L’accordo, negoziato da Ross Levinsohn (CEO ad interim di Yahoo!) e Sheryl Sandberg (Chief Operating Officer di Facebook), prevede una partnership tra le due aziende. Agli utenti di Facebook sarà offerta l’ampia copertura di eventi di Yahoo!, che ha sua volta beneficerà dell’integrazione di strumenti social.

Insomma, mannaggia al diavoletto che ci ha fatto litigare!


Fonti e approfondimenti:

Angela Pace
imgres2

PagineGialle e PagineBianche in un app

La note riviste rinnovano il loro status 

Sono innovative le due app sviluppate da Pagine bianche 2.0 e Pagine gialle 3.0. Tramite il supporto di Google, l’ecosistema Android 4.0 aiuterà molti cittadini nell’orientamento quotidiano comune. 
Tutte le persone, indirizzi, principali attività saranno rintracciabili grazie al supporto di un’applicazione grafica attuata da Pagine bianche 2.0, tutto ovviamente coadiuvato dalla tecnologia social di Facebook, Twitter, ecc. L’altra applicazione è quella relativa a Pagine gialle 3.0 che aiuta a ritrovare aziende, ristoranti, cinema, ecc.

Daniele O. 

imgres3

Le grandi marche a sostegno dell’Emilia Romagna

Beneficenza a sostegno dei terremotati

Cotoneve, Farmacotone, Samurai, Logex, le grandi marche scendono in campo a sostegno dei terremotati dell’Emilia Romagna.
Le aziende aderenti al gruppo Sisma hanno garantito il rifornimento di beni per lo svolgimento di azioni quotidiane come medicinali, attrezzi di primo soccorso inviati da farmacotone, la logex ha provveduto ad inviare beni indispensabili per la casa come sacchi per la pattumiera, spugne, ecc. Che dire, bella iniziativa!!


Daniele O.