Archivi categoria: Web content

Google+ app sbarca in tv

Il nuovo spot di Google+ e lo Storytelling


In un precedente articolo abbiamo già parlato di quanto la tecnica dello Storytelling sia importante per impreziosire e animare i nostri contenuti e le nostre pubblicità.

Stavolta, abbiamo deciso di proporvi una case history di tutto rispetto. Si tratta del nuovo spot di Google+ con il quale Big G ha deciso di presentare la sua nuova app. 

Per chi non l’avesse ancora visto ecco qui il commercial.

Che ne pensate? Fortemente emozionante vero? 

Raccontandoci la storia di un neopapà smemorato preso dall’entusiasmo di essere diventato padre di un esserino così delicato, Big G è riuscito a veicolare tutte le informazioni che intendeva comunicarci. 

Sicuramente ci ricorderemo questa storia per il forte impatto emotivo che ha suscitato in noi e sicuramente la ricollegheremo a Google+ dato che la sua app è la soluzione al problema del papà smemorato. Eppure notate bene che il prodotto pubblicizzato appare solo per una frazione di secondo alla fine dello spot.
content-is-king

Web content e Facebook

Come rendere i nostri post più efficaci su Facebook


Come avevo dicevo nel precedente post, oggi siamo bombardati da una quantità eccessiva di informazioni. Si tratta di dati, testi, immagini che non sempre rispondono a quel che stiamo cercando e che a volte sono addirittura privi di un reale valore informativo. In una parola sono spazzatura! 

Ma a volte accade il contrario. Siamo proprio noi ad avere un buon testo da immettere in Rete e anche se il contenuto è eccellente non riusciamo a rendere quella pubblicazione efficace.

Proprio oggi mi è capitato tra le mani un interessante articolo che ci mostra come creare post efficaci su Facebook e quindi aumentare la nostra visibilità in Rete. 

Lo condivido con voi: Come creare un post efficace su Facebook.

Buona lettura!




twin

Arriva TwinPeople, il plugin più social che c’è

E’ iniziato il countdown: il 24 aprile nascerà Twin people

A sentire il nome sembra quasi il Internet di un’agenzia d’incontri,  in realtà Twin People è solo un plugin da usare in abbinamento al proprio browser, facilmente scaricabile dal web. Sebbene solo una piccola applicazione, in un certo senso Twin People ha in effetti qualcosa in comune con un sito d’incontri.

Scaricabile a partire dal 24 aprile, il nuovo plugin permetterà ai suoi fruitori di entrare più facilmente in contatto con gli altri utenti. Visitare le stesse pagine, cercare gli stessi contenuti, leggere gli stessi articoli sono tutte attività che avvicineranno i ‘twins’. Questi saranno incentivati a chattare, lasciare commenti e anche organizzare webmob direttamente mediante lo stesso sito. Esatto! Gli utenti, grazie alle tecnologie di web-localizzazione di cui dispone il sito, sono incentivati nella creazione di ritrovi online, senza dover ricorrere a community e forum ad hoc.

Anche se molto vicino ai classici social network, Twin People si caratterizza per essere un ‘aggregatore’ di utenti con le stesse passioni. Come si legge sul blog ufficiale, infatti, esso “punta a sviluppare la socialità attorno ai contenuti e non attorno ai contatti: si interagisce perché si condividono le stesse passioni, gli stessi interessi, non perché si è in qualche maniera già ‘amici'”. Questa l’anima di Twin People.

Ma cosa si potrà fare con questo nuovo social site?

  • Personalizzare il proprio profilo.
  • Allargare la cerchia dei contatti che hanno gli stessi interessi e passioni.
  • Controllare il numero e l’identità dei lettori e le pagine che stanno leggendo.
  • Comunicare con i propri twins mediante l’immancabile chat.
  • Organizzare i propri twins in apposite liste e controllare le loro attività.
  • Creare webmob per incontrare i tuoi twins su una specifica pagina in un preciso momento.
  • Creare community spontanee.
  • Ascoltare cosa vorrebbero gli utenti e fornir loro un servizio mirato per le loro esigenze.
Dunque, un sito che si mostra, ancor prima di nascere, molto più flessibile e usabile di altri social network (o almeno nelle intenzioni).

Per saperne di più: blog.twinpeople.com.